25 Luglio 2024
Home Naufraga “il Fatto Quotidiano”

11 thoughts on “Naufraga “il Fatto Quotidiano”

  1. Il Fatto così perde di credibilità. Ma il direttore mitico che titolo di studio possiede?

  2. e ora chi glielo dice all’avvocato che il direttore amico suo ha persone a lui molto care candidate in una lista che appoggia un altro sindaco? ahì ahì ahì

  3. Agrigento è piena di scenografi con il massimo dei voti che non hanno la minima idea di cosa è la scenografia. Miracoli di una accademia privata! Comunque, per la precisione: non è una laurea ma un titolo che, in alcuni concorsi pubblici, viene considerato equipollente: non hanno infatti nessun diritto a fregiarsi del titolo di “dottore”. La LAUREA VERA va guadagnata e meritata con lo studio ed il sudore su quei libri che qualcuno trova noiosi.

  4. Basta andare a leggere i commenti sul fatto quotidiano per capire che nemmeno i loro lettori si fidano più di quello che scrive il giornale. Come gli altri, anche loro sono di parte. Perchè vi state meravigliando?

  5. Hi hi hi, bellissima questa intervista a Castaldo, eccezionale, e la tirata: Sorrisi e Canzoni uno dei maggiori settimanali? Eh eh eh, siamo all’inverosimile. Peccato, Morici, che avete gli stessi, nobili ideali, Hi hi hi… Morici, sei stato sagace a trovare uno peggio di te.
    Con affetto

  6. In ogni caso, lasciate stare Il Fatto, che è decisamente al di fuori della vostra portata.
    Più che altro per non scadere nel ridicolo.

  7. Caro Vitangelo Moscarda (perdonami, ma ti si addice più di Adriano Meis – ti invito a leggerne la ragione: https://lavalledeitempli.net/2010/09/21/computer-unico-pensiero-unico-a-pensar-male-si-fa-peccato-ma-spesso-ci-si-indovina%e2%80%a6/), il tuo commento non valeva neppure un byte di risposta.
    Ciò nonostante, ho deciso di sprecare questi pochi secondi, per ribadire ancora una volta che da un giornale come “il Fatto Quotidiano”, prima di pubblicare un affondo immotivato alla Magistratura, mi sarei aspettato una più attenta verifica dei fatti.
    Notizie che possono trovare si facile smentita, rischiano di adombrare ben altre inchieste giornalistiche condotte da una testata che si era guadagnata nel panorama dell’informazione nazionale la stima di molti lettori.
    Peccato…
    Cordialmente
    Gian J. Morici

  8. Se un direttore si limita a fare il “portavoce ” di Arnone senza sentire il bisogno di fare alcun riscontro sulle notizie che fornisce, è meglio che si dedichi ad altri sports, piuttosto che all’informazione. Quest’ultima infatti, dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere una cosa seria.

Lascia un commento