Libia, ecco le sanzioni Onu. Embargo armi e blocco dei beni. Il testo integrale della Risoluzione 1970 (2011):

Il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha adottato una risoluzione globale per rispondere alla violenza perpetrata da Muammar Gheddafi contro il popolo libico. La risoluzione impone misure immediate per fermare la violenza, garantire l’affidabilità e facilitare gli aiuti umanitari.
Il Consiglio di Sicurezza ha chiesto la fine delle violenze e ha esortato le autorità libiche a rispettare i diritti umani, garantire la sicurezza dei cittadini stranieri, consentire il passaggio sicuro degli aiuti umanitari e abolire le restrizioni su tutte le forme di media.

In sintesi la risoluzione:
1) Si riferisce la situazione alla Corte penale internazionale (ICC)
Il deferimento del Consiglio di Sicurezza dà la giurisdizione della CPI per crimini commessi in Libia dopo il 15 febbraio, giorno della prime proteste a Bengasi. La Corte penale internazionale può indagare crimini, compresi i crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.
Un rinvio da parte della Corte penale internazionale è necessario in quanto la Libia non è parte allo statuto di Roma CPI.
Il procuratore della CPI riferirà regolarmente al Consiglio di Sicurezza.
2) 2) impone un embargo sulle armi e altre restrizioni sulle armi
A tutti gli stati è vietato fornire qualsiasi tipo di armi verso la Libia.
A tutti gli stati non è consentito il transito verso la Libia di mercenari.
Alla Libia è proibito esportare armi.
Gli Stati sono chiamati a ispezionare merci sospette che possono contenere armi.
Tutti gli stati sono chiamati a scoraggiare fortemente i loro cittadini dal recarsi in Libia per contribuire a violazioni dei diritti umani.
3) sanzioni mirate su figure chiave regime
Diciassette lealisti di Gheddafi sono soggetti a divieto di viaggio internazionale.
Sei di questi individui, compresi Gheddafi se stesso e i suoi stretti familiari, sono soggetti anche al congelamento dei loro beni.
Il Consiglio di sicurezza si impegna a garantire che i beni sequestrati saranno messi a disposizione e a vantaggio della popolazione della Libia.
Un comitato per le sanzioni imporrà sanzioni mirate contro altri individui ed entità che commettono gravi violazioni dei diritti umani, inclusi gli ordini di attacchi e bombardamenti aerei sulle popolazioni civili o strutture.
4) prevede per l’assistenza umanitaria
Tutti gli Stati sono chiamati a lavorare insieme per facilitare l’assistenza umanitaria e a sostenere il ritorno delle agenzie umanitarie.
Il Consiglio di Sicurezza esprime la sua disponibilità a esaminare misure supplementari per ottenere la fornitura di tale assistenza.
5) si impegna a rivedere le misure
Il Consiglio di Sicurezza non mancherà di tenere sotto controllo queste sanzioni e rafforzarle, modificarle o di revocarle secondo l’evolversi della situazione.

Questo il testo integrale:

“Il Consiglio di Sicurezza,
“Esprimendo preoccupazione per la situazione in Libia e condannando la violenza e l’uso della forza contro i civili, “Deplorando la sistematica e grave violazione dei diritti umani , compresa la repressione di manifestanti pacifici, esprimendo profonda preoccupazione per la morte di civili, respinge in modo inequivocabile l’incitamento a ostilità e violenza contro la popolazione civile da parte dei più alti vertici del governo libico;
“Accogliendo favorevolmente la condanna da parte della Lega Araba, l’Unione africana, e del Segretario generale dell’Organizzazione della Conferenza islamica per le gravi violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario che vengono commessi in Libia;
“Prendendo atto della lettera al Presidente del Consiglio di Sicurezza dal rappresentante permanente della Libia del 26 febbraio 2011;
“Accogliendo la risoluzione del Consiglio del 25 febbraio 2011 per i diritti umani A/HRC/S-15/2 , ivi compresa la decisione di inviare con urgenza una commissione internazionale indipendente di inchiesta per indagare su tutte le presunte violazioni del diritto internazionale dei diritti umani nella Libia, per accertare i fatti e le circostanze di tali violazioni e dei crimini perpetrati, e se possibile individuare i responsabili;
“Considerando che gli attacchi diffusi e sistematici in corso in Libia contro la popolazione civile possono essere individuati come crimini contro l’umanità;
“Esprimendo preoccupazione per la situazione dei profughi costretti a fuggire dalla violenza in Libia;
“Esprimendo preoccupazione anche a seguito di segnalazioni di carenza di forniture mediche per curare i feriti;
“Ricordando la responsabilità delle autorità libiche ‘nel proteggere la sua popolazione,;
“Sottolineando la necessità di rispettare le libertà di riunione pacifica e di espressione, compresa la libertà di stampa;
“Sottolineando la necessità di tenere conto dei responsabili di attacchi ai civili, anche da parte delle forze sotto il loro controllo;
“Ricordando l’articolo 16 dello Statuto di Roma secondo cui nessuna indagine o procedimento può essere iniziato o proseguito da parte della Corte penale internazionale per un periodo di oltre 12 mesi dopo la richiesta di un Consiglio di Sicurezza in tal senso;
“Esprimendo preoccupazione per la sicurezza di cittadini stranieri e dei loro diritti in Libia;
“Riaffermando l’impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’integrità territoriale e l’unità nazionale della Jamahiriya libica araba.
“”Consapevole della sua responsabilità nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionale in virtù della Carta delle Nazioni Unite;
“Ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite , e dei provvedimenti di cui l’articolo 41;
“1. Chiede la fine immediata della violenza e chiede misure per soddisfare le legittime richieste della popolazione;
“2. Sollecita le autorità libiche a:
(a) atto con la massima moderazione, il rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale, e consentire l’accesso immediato od osservatori internazionali per i diritti dell’uomo;
(b) garantire la sicurezza di tutti i cittadini stranieri e dei loro beni e facilitare la partenza di coloro che desiderano lasciare il paese;
(c) garantire il passaggio sicuro di aiuti umanitari e medici, e delle agenzie umanitarie e dei lavoratori, nel paese;
(d) immediatamente togliere le restrizioni su tutte le forme di informazione;
“3 Richiede a tutti gli Stati membri, per quanto possibile, di cooperare alla evacuazione dei cittadini stranieri che desiderano lasciare il paese;
“4. Decide di deferire la situazione in Libia dal 15 febbraio 2011, al Procuratore della Corte penale internazionale;
“5. Decide che le autorità libiche devono cooperare pienamente e fornire tutta l’assistenza necessaria alla Corte e al Procuratore ai sensi della presente risoluzione e, pur riconoscendo che gli Stati non parte dello Statuto di Roma non hanno alcun obbligo ai sensi dello Statuto, esorta tutti gli Stati interessati e regionali e altre organizzazioni internazionali a cooperare pienamente con la Corte e il Procuratore;
“6. Decide che i funzionari cittadini, attuali o ex o di personale proveniente da uno Stato al di fuori della Jamahiriya libica araba che non è parte dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, sono soggetti alla competenza esclusiva dello Stato per tutti i presunti atti od omissioni derivanti da o in relazione alle operazioni in Libia stabilite o autorizzate dal Consiglio, a meno che tale competenza esclusiva sia stata espressamente rinunciato dallo Stato;
“7. Invita la procura a rivolgersi al Consiglio di Sicurezza entro due mesi dall’adozione di questa risoluzione e successivamente ogni sei mesi per le azioni intraprese in applicazione della presente risoluzione;
“8. Riconosce che nessuna delle spese sostenute in relazione al rinvio, incluse le spese relative a indagini o azioni penali in relazione a tale rinvio, sono a carico delle Nazioni Unite e che tali costi sono sostenuti dalle parti dello Statuto di Roma e gli Stati che desiderano contribuire volontariamente;
Embargo sulle armi
“9. Decide che tutti gli Stati membri adottino immediatamente le misure necessarie per impedire la fornitura, diretta o indiretta, la vendita o il trasferimento alla Libia, da o attraverso i loro territori o dai loro cittadini, o utilizzando navi o aeromobili di bandiera, di armi e connessi materiale di qualsiasi tipo, comprese armi e munizioni, veicoli militari e equipaggiamenti, equipaggiamenti paramilitari e parti di ricambio e assistenza tecnica, formazione, assistenza finanziaria o di altro tipo, relativi ad attività militari o la manutenzione, fornitura o uso di armi e di materiale connesso, compresa la fornitura di personale armato mercenario o no prodotti nei loro territori, e decide inoltre che questa misura non si applica:
(a) cessioni di non letali equipaggiamenti militari destinati esclusivamente ad uso umanitario o protettivo, e la relativa assistenza tecnica o formazione, preventivamente autorizzate dal comitato istituito ai sensi del paragrafo 24 di seguito;
(b) Indumenti di protezione, compresi i giubbotti antiproiettile e gli elmetti militari, temporaneamente esportati verso la Libia da personale delle Nazioni Unite, rappresentanti dei mass media e del personale umanitario e per lo sviluppo di lavori, per loro esclusivo uso personale, oppure
(c) Atre vendite o forniture di armamenti e materiale bellico, o la fornitura di assistenza o di personale, preventivamente autorizzate dal comitato;
“10. Decide che la Libia cessi l’esportazione di armi e materiale bellico e che tutti gli Stati membri vietino l’approvvigionamento di tali prodotti da Jamahiriya Araba di Libia dai loro cittadini, o utilizzando navi o aeromobili di bandiera, e anche di origine non nel territorio della Libia;
“11. Invita tutti gli Stati, in particolare gli Stati confinanti con la Libia, a controllare, in accordo con le autorità nazionali e la legislazione coerente con il diritto internazionale, in particolare la legge del mare e accordi internazionali dell’aviazione civile, tutti i carichi da e per la Libia, nel loro territorio, compresi i porti e gli aeroporti, se lo Stato interessato dispone di informazioni che offre fondati motivi di ritenere che il carico contenga prodotti alla vendita, fornitura, il trasferimento o l’esportazione di cui è vietata dai punti 9 e 10 del presente risoluzione al fine di garantire la rigorosa applicazione di tali disposizioni;
“12. Decide di autorizzare tutti gli Stati membri, e che tutti gli Stati membri, al momento della scoperta di oggetti vietati dal comma 9 o 10 della presente risoluzione, sequestrino e distruggano elementi atti alla vendita, fornitura, trasferimento o esportazione di cui è vietata dal comma 9 o 10 di questa risoluzione e decide inoltre che tutti gli Stati membri devono cooperare in tali sforzi;
“13. Richiede a qualsiasi Stato membro quando si intraprende una ispezione ai sensi del precedente punto 11, di presentare tempestivamente una prima relazione scritta al Comitato che contenga, in particolare, la spiegazione dei motivi per le ispezioni, i risultati di tali verifiche, e se la cooperazione è stata rispettata, e, se oggetti vietati sono trovati, richiede inoltre agli Stati membri di sottoporre al Comitato, in una fase successiva, una successiva relazione scritta contenente dettagli salienti sul sequestro, sul controllo, e lo smaltimento, di relativi dettagli del trasferimento , compresa la descrizione degli oggetti, la loro origine e la destinazione prevista, qualora tale informazione non fosse nella relazione iniziale,
“14. Incoraggia gli Stati membri ad adottare misure per scoraggiare fortemente i loro cittadini a recarsi in Libia per partecipare alle attività per conto delle autorità libiche che potrebbero ragionevolmente contribuire alla violazione dei diritti umani;
Divieto di viaggio
“15. Decide che tutti gli Stati membri adottino le misure necessarie per impedire l’ingresso o il transito nel loro territorio delle persone elencate nell’allegato I della presente risoluzione o designati dal comitato istituito ai sensi del paragrafo 24 di seguito, a condizione che nessuna disposizione del presente comma, obblighi uno Stato a vietare ai loro cittadini nel proprio territorio;
“16. Decide che le misure imposte dal precedente punto 15 non si applicano:
(a) se il Comitato determina, caso per caso che il viaggio è giustificato da ragioni umanitarie, inclusi obblighi religiosi;
(b) Se l’ingresso o il transito è necessario per l’adempimento di un procedimento giudiziario;
(c) se il Comitato determina, caso per caso, che una deroga contribuisce agli obiettivi di pace e di riconciliazione nazionale in Jamahiriya Araba di Libia e la stabilità nella regione; o
(d) Se uno Stato determina, caso per caso che tale ingresso o il transito è tenuto a promuovere la pace e la stabilità in Libia e negli Stati e informa successivamente il comitato entro 48 ore dopo aver fatto una tale determinazione;
Asset da congelare
“17. Decide che tutti gli Stati membri devono congelare immediatamente tutti i fondi, altre attività finanziarie e risorse economiche che sono sui loro territori, che sono posseduti o controllati, direttamente o indirettamente, da persone o entità di cui all’allegato II della presente risoluzione o designati dal comitato istituito ai sensi del paragrafo 24 qui sotto, oppure da persone o entità che agiscono per loro conto o sotto la loro direzione, o da entità possedute o controllate da esse, e decide inoltre che tutti gli Stati membri garantiscono che tutti i fondi, beni finanziari o risorse economiche sono impediti ad essere messi a disposizione dai loro cittadini o da persone o enti nel loro territorio, o per il beneficio delle persone o entità di cui all’allegato II della presente risoluzione o persone indicate dal Comitato;
“18. Esprime la sua intenzione di garantire che i beni congelati ai sensi del paragrafo 17 in una fase successiva siano messi a disposizione e per il bene del popolo della Libia;
“19. Decide che le misure imposte dal precedente punto 17 non si applicano ai fondi, altre attività finanziarie o risorse economiche che sono state determinate dagli Stati membri interessati:
(a) necessario per le spese di base, compresi i pagamenti relativi a generi alimentari, affitti o ipoteche, medicinali e cure mediche, imposte, premi assicurativi e servizi pubblici o esclusivamente al pagamento di onorari ragionevoli e al rimborso delle spese sostenute per la prestazione di servizi legali in conformità con le leggi nazionali, o diritti o di spese, in conformità delle leggi nazionali, per la normale gestione dei fondi congelati, altre attività finanziarie e risorse economiche, dopo la notifica da parte dello Stato relative al comitato l’intenzione di autorizzare, se del caso, l’accesso a tali fondi, beni finanziari o risorse economiche e, in assenza di una decisione negativa da parte del Comitato entro cinque giorni lavorativi da tale notifica;
(b) SE necessari per coprire spese straordinarie, a condizione che tale decisione sia stata notificata dal competente dello Stato o degli Stati membri alla commissione e sia stato approvato dal comitato, oppure
(c) sia oggetto di un privilegio legale, amministrativo o arbitrale, nel qual caso i fondi, altre attività finanziarie e risorse economiche possono essere utilizzati per il soddisfacimento del vincolo o della decisione a condizione che il vincolo o la decisione sia stato stipulato prima della data della presente risoluzione, non per il beneficio di una persona o entità designata conformemente al paragrafo 17, e sia stata notificata dal competente Stato o dagli Stati membri al Comitato;
“20. Decide che gli Stati membri possono permettere che, oltre ai conti congelati a norma delle disposizioni del paragrafo 17 sopra degli interessi o altri profitti dovuti su detti conti o pagamenti connessi a contratti, accordi o obblighi precedenti alla data in cui tali conti sono divenuti soggetti alle disposizioni della presente risoluzione, a condizione che tali interessi, altri profitti e pagamenti continuino ad essere soggetti a queste disposizioni e siano congelati;
“21. Decide che le misure di cui al precedente punto 17 non ostano a una persona designata o ente che effettui il pagamento dovuto nell’ambito di un contratto stipulato anteriormente alla quotazione di tali persone o entità, a condizione che gli Stati interessati abbianoo stabilito che il pagamento non è direttamente o indirettamente ricevuto da una persona o entità designata ai sensi del precedente punto 17, e dopo la notifica da parte degli Stati interessati al comitato l’intenzione di effettuare o ricevere tali pagamenti o di autorizzare, se del caso, lo scongelamento dei fondi, altre attività finanziarie o economiche risorse per questo scopo, 10 giorni lavorativi prima di tale autorizzazione;
Designazione dei criteri
“22. Decide che le misure contenute nei paragrafi 15 e 17 si applicano alle persone ed entità indicate dal Comitato, ai sensi del paragrafo 24 (b) e (c), rispettivamente;
(a) coinvolti o complici in ordine, nel controllare, dirigere o altrimenti, nel commettere gravi violazioni dei diritti umani contro le persone in Libia, ma anche dall’essere coinvolti o complici di pianificazione, comando, ordinamento o per aver condotto gli attacchi, in violazione del diritto internazionale, compresi i bombardamenti aerei, su popolazioni civili e impianti; o
(b) che agiscono per o per conto di o sotto la direzione di persone o enti individuati nella lettera (a).
“23. incoraggia vivamente gli Stati membri a presentare al Comitato i nominativi delle persone che soddisfano i criteri di cui al precedente punto 22;
Nuovo comitato per le sanzioni
“24. Decide di istituire, in conformità con l’articolo 28 del suo regolamento interno provvisorio, un comitato del Consiglio di Sicurezza composto da tutti i membri del Consiglio (di seguito “il comitato”), ad impegnarsi per i seguenti compiti:
(a) per monitorare l’attuazione delle misure di cui ai paragrafi 9, 10, 15 e 17;
(b) Per designare le persone soggette alle misure imposte dai paragrafi 15 e ad esaminare richieste di deroghe in conformità al precedente punto 16;
(c) Per designare le persone soggette alle misure imposte dal punto 17 della presente sentenza e di considerare le richieste di deroga ai sensi dei paragrafi 19 e 20 della presente sentenza;
(d) Al fine di stabilire linee guida che possano essere necessarie per agevolare l’attuazione delle misure imposte di cui sopra;
(e) Per segnalare entro trenta giorni al Consiglio di Sicurezza per il lavoro svolto per la prima relazione e, successivamente, a riferire quanto ritenuto necessario dal Comitato;
(f) Per favorire un dialogo tra il Comitato e gli Stati membri interessati, in particolare quelli della regione, anche invitando i rappresentanti di tali Stati per incontrare il Comitato per discutere l’attuazione delle misure;
(g) Cercare di tutti gli Stati tutte le informazioni che ritenga utili per quanto riguarda le azioni da essi adottate per attuare efficacemente le misure imposte di cui sopra;
(h) esaminare e prendere i provvedimenti opportuni per informazioni riguardanti presunte violazioni o non conformità con le misure contenute nella presente risoluzione;
“25. Invita tutti gli Stati membri a riferire alla commissione entro 120 giorni dall’adozione di questa risoluzione sulle misure da essi adottate al fine di attuare efficacemente gli paragrafi 9, 10, 15 e 17;
L’assistenza umanitaria
“26. Invita tutti gli Stati membri a lavorare insieme e in cooperazione con il Segretario Generale, per facilitare e sostenere il ritorno delle agenzie umanitarie e a fornire l’assistenza umanitaria e connessi nella Libia, e chiede agli Stati interessati di tenere il Consiglio di Sicurezza regolarmente informato sullo stato di avanzamento delle azioni intraprese a norma del presente paragrafo, ed esprime la sua disponibilità a prendere in considerazione ulteriori misure appropriate, come necessario, per raggiungere tale obiettivo;
Impegno per la revisione
“27. Afferma che tiene le azioni delle autorità libiche ‘sotto costante controllo e che essa deve essere pronta a rivedere l’adeguatezza delle misure contenute nella presente risoluzione, compresi il rafforzamento della modifica, sospensione o revoca delle misure, in quanto possono essere necessarie in qualsiasi tempo alla luce del rispetto, da parte delle autorità libiche ‘con le pertinenti disposizioni della presente risoluzione;
“28. Decide di continuare a occuparsi attivamente della questione. ”
L’allegato I
Divieto di viaggio
1. Dr Abdulqader Mohammed Al-Baghdadi,
Numero di passaporto: B010574. Data di nascita: 1950/01/07.
Responsabile dell’Ufficio di collegamento dei Comitati rivoluzionari coinvolti in violenze contro i manifestanti.
2. Yusef Abdulqader Data di nascita: 1946. Luogo di nascita: Houn, Libia.
Capo della sicurezza personale di Muammar Gheddafi è responsabile per la sicurezza del regime di aver diretto la violenza contro i dissidenti.
3. Dorda, Abu Zayd Umar Direttore Organizzazione sicurezza esterna. Regime lealista. Head of Capo del servizio segreto esterno.
4. maggiore generale Abu Bakr Yunis
Data di nascita: 1952. Luogo di nascita: Jalo, Libia.
Ministro della Difesa. Responsabile per le azioni delle forze armate.
5. Matuq, Matuq Mohammed
Data di nascita: 1956. Luogo di nascita: Khoms.
Segretario per i servizi. Membro Senior del regime. Coinvolgimento con Comitati rivoluzionari. Repressione del dissenso e della violenza.
6. Qadhaf Al-diga, Sayyid Mohammed
Data di nascita: 1948. Luogo di nascita: Sirte, in Libia.
Cugino di Muammar Gheddafi. Nel 1980, Sayyid fu coinvolto in omicidi e ritenuto responsabile di diversi decessi in Europa. Sospettato di essere stato coinvolto in forniture militari.
7. Gheddafi, Muammar Aisha
Data di nascita: 1978. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlia di Muammar Gheddafi. Associazione con regime.
8. Gheddafi, Muammar Annibale
Numero di passaporto: B/002210. Data di nascita: 20/09/1975. Luogo di nascita: Tripoli, Libia. Figlio di Muammar Gheddafi. Associazione con regime.
9. Gheddafi, Muammar Khamis
Data di nascita: 1978. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi. associazione con regime. Al comando di unità militari coinvolte nella repressione delle manifestazioni.
10. Gheddafi, Mohammed Muammar
Data di nascita: 1970. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi. associazione con regime.
11. Muammar Abu Mohammed Minyar
Data di nascita: 1942. Luogo di nascita: Sirte, in Libia.
Leader della Rivoluzione, Comandante Supremo delle Forze Armate. Responsabile per aver ordinato la repressione delle manifestazioni e di violazioni dei diritti umani.
12. Gheddafi, Mutassim
Data di nascita: 1976. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Consigliere per la Sicurezza Nazionale. Figlio di Muammar Gheddafi. associazione con il regime.
13. Gheddafi, Saadi
Numero di passaporto: 014.797. Data di nascita: 25/05/1973. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Comandante delle Forze Speciali. Figlio di Muammar Gheddafi. Associazione con il regime e responsabile del Comando di unità militari coinvolte nella repressione delle manifestazioni.
14. Gheddafi, Saif al-Arab
Data di nascita: 1982. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi. Associazione con il regime.
15. Gheddafi, Saif al-Islam
Numero di passaporto: B014995. Data di nascita: 25/06/1972. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Direttore, Fondazione Gheddafi. Figlio di Muammar Gheddafi. Associazione con il regime. Incitazione alla violenza contro i dimostranti.
16. Al-Senussi, colonnello Abdullah
Data di nascita: 1949. Luogo di nascita: Sudan.
Direttore di intelligence militare. Coinvolgimento nella repressione delle manifestazioni. Lasua storia passata include il sospetto di coinvolgimento nel massacro nella prigione di Abu Selim. Condannato in contumacia per bombardamento del volo UTA.
L’allegato II
Asset da congelare
1. Gheddafi, Muammar Aisha
Data di nascita: 1978. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlia di Muammar Gheddafi.
2. 2. Hannibal Muammar Gheddafi
Numero di passaporto: B/002210. Data di nascita: 20/09/1975. Luogo di nascita: Tripoli, Libia. Son Figlio di Muammar Gheddafi.
3. Gheddafi, Muammar Khamis
Data di nascita: 1978. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi.
4. Gheddafi, Muammar Abu Mohammed Minyar
Data di nascita: 1942. Luogo di nascita: Sirte, in Libia.

5. Gheddafi, Mutassim
Data di nascita: 1976. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi.
6. Gheddafi, Saif al-Islam
Numero di passaporto: B014995. di nascita: 25/06/1972. Luogo di nascita: Tripoli, Libia.
Figlio di Muammar Gheddafi.
Dichiarazioni
MARK LYALL GRANT ( Regno Unito ) ha accolto con favore l’adozione, notando che il suo paese era molto preoccupato per le violenze e ha condannato le azioni della leadership libica. Il testo, ha detto, era un segnale forte della determinazione della comunità internazionale a fianco del popolo libico come tracciato il loro futuro.
HARDEEP SINGH PURI ( India) spera che la calma e la stabilità siano ripristinate senza ulteriori violenze e ha chiesto misure per garantire la sicurezza della popolazione indiana in Libia, così come per coloro che tentano di andarsene. Notando che cinque membri del Consiglio non erano parti dello Statuto di Roma, tra cui l’India, ha detto che avrebbe preferito un “approccio calibrato” al problema. Tuttavia, è convinto che il rinvio della situazione alla Corte penale internazionale potrebbe contribuire a determinare la fine della violenza, e ha ascoltato l’appello del Segretario generale sulla questione. Pertanto, ha votato a favore della risoluzione, pur sottolineando l’importanza delle sue disposizioni in materia di Stati non parti dello Statuto di Roma.
BASO SANGQU (South Africa)ha detto che il suo Paese è profondamente preoccupato per la situazione in Libia. La risoluzione adottata dal Consiglio di Sicurezza ha inviato un messaggio chiaro e inequivocabile in Libia per fermare l’uso indiscriminato della forza in quel paese, e le misure contenute potrebbero contribuire all’obiettivo a lungo termine di portare pace e stabilità alla nazione.
U. JOY OGWU (Nigeria)
ha detto che era profondamente preoccupato per la retorica incendiaria e per le perdite di vite umane in Libia. Come molti avevano chiesto la rapida azione, era giusto che il Consiglio avesse preso oggi un’azione decisiva. LaNigeria ha sostenuto la risoluzione, compreso le sanzioni mirate. Si dice convinto che il testo potrebbe dissuadere le persone dal sostenere il regime e che preve la protezione dei civili e il rispetto del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani. La delegazione ritiene che la risoluzione dovrebbe rapidamente affrontare la violenza in corso.
SUSAN RICE ( United States) ha accolto con favore il fatto che il Consiglio si è espresso in maniera univoca, in un chiaro avvertimento al governo libico che deve fermare il massacro. Il testo di una risoluzione forte, ha detto, è la capacità delle persone di plasmare il proprio futuro. I loro diritti non sono negoziabili e non potevano essere negati.
NAWAF SALAM (Lebanon), prendendo atto della denuncia da parte della Lega degli Stati arabi dei crimini commessi contro i civili libici, ha detto che ha condiviso il suo parere, così come il suo sostegno al diritto dei cittadini libici di esprimere le loro opinioni. Questo il motivo per cui ha votato a favore della risoluzione. Ha sottolineato l’importanza di riaffermare l’unità territoriale della Libia e ha espresso profondo dolore per le vite perdute.
VITALY CHURKIN ( Russian Federation) ha detto che ha sostenuto la risoluzione a causa della profonda preoccupazione del suo paese per la situazione e il suo dolore per la perdita di vite umane e la sua condanna delle azioni del governo libico. Si oppose a interventi controproducenti, ma ha detto che l’obiettivo della risoluzione è stato quello di porre fine alla violenza per preservare lo Stato sovrano della Libia con la sua integrità territoriale. La sicurezza per i cittadini stranieri, compresi i cittadini russi, deve essere garantita.
LI BAODONG ( China ) ha detto che la Cina era molto preoccupato per la situazione in Libia. La massima urgenza è stata quello di far cessare le violenze, per terminare il bagno di sangue di vittime civili, e per risolvere la crisi con mezzi pacifici, quali il dialogo. La sicurezza e l’interesse dei cittadini stranieri in Libia deve essere garantita. Tenendo conto delle circostanze particolari in Libia, la delegazione cinese ha votato a favore della risoluzione.
NÉSTOR OSORIO (Colombia) ha detto che il governo colombiano è stato soddisfatto con la risoluzione, emessa a seguito di un “tempestivo processo di consultazione”, in sintonia con il senso di urgenza richiesto dalla comunità internazionale. La risoluzione ha inviato il “messaggio diretto e solido” che le violenze in Libia devono cessare e i responsabili devono rispondere dei loro crimini. Inoltre, la decisione di deferire la situazione alla Corte penale internazionale è stata appropriata. La Colombia ha chiaramente respinto gli incitamenti alla violenza da parte di settori ufficiale in Libia, e ha condannato la violazione dei diritti fondamentali e delle libertà dei cittadini di quel paese, compreso il diritto alla vita e alla riunione pacifica. La Libia deve trovare un modo per rispondere alle richieste legittimamente avanzate dalla sua gente, e la comunità internazionale deve rimanere unita per porre fine alla violenza lì.
JOSÉ FILIPE MORAES CABRAL ( Portugal ) ha accolto con favore l’adozione all’unanimità della risoluzione, che a suo dire ha inviato un messaggio chiaro e unito contro i crimini commessi contro i civili in Libia.
GÉRARD ARAUD (Francia) ha accolto con favore il fatto che il Consiglio ha risposto all’unanimità all’appello di ieri del rappresentante libico. Il deferimento della questione alla Corte penale internazionale può garantire che i responsabili dei crimini siano assicurati alla giustizia. La Corte ancora una volta ha mostrato il motivo razionale della sua esistenza. La risoluzione ha ricordato la responsabilità di ogni Stato per la protezione della popolazione e il ruolo della comunità internazionale quando la responsabilità non sia stata rispettata. Spera che il voto apra una nuova era per la comunità internazionale nel suo insieme.

PETER WITTIG (Germania) ha accolto quello che ha chiamato un messaggio rapido, deciso, unitario e forte del Consiglio secondo cui la violazione dei diritti del popolo libico non può essere tollerata. Il deferimento alla Corte penale internazionale ha dimostrato la determinazione a non permettere l’impunità. Dovrebbe essere chiaro a tutti che il Consiglio continuerà a seguire attentamente la situazione.

IVAN BARBALIĆ (Bosnia Erzegovina) ha detto che il Consiglio di sicurezza ha dovuto reagire “all’unanimità e con urgenza” per porre fine alla violenza ed evitare un’ulteriore escalation della situazione in Libia. La sua delegazione ha seguito da vicino il movimento popolare in Libia, ed è sgomento per la “inaccettabile livello di violenza”, destinata a civili. La. Bosnia-Erzegovina ha condannato nei termini più forti possibili la violenza e la perdita della vita, e pertanto pienamente appoggiato la decisione di sottoporre i responsabili alla Corte penale internazionale. Ha chiesto di cessare immediatamente le violenze. Preoccupati per il deflusso dei profughi e l’alto numero di sfollati interni ha invitato le organizzazioni internazionali a fornire aiuti umanitari e dei servizi alle persone colpite dalla violenza.

ALFRED ALEXIS MOUNGARA MOUSSOTSI (Gabon) ha detto che la situazione attuale in Libia nelle ultime due settimane ha richiesto una risposta e un “messaggio forte e chiaro” dal Consiglio di Sicurezza. Il Gabon ha deciso di aggiungere la sua voce per la risoluzione, non solo per porre fine alla violenza, ma anche per consigliare il regime libico sulle conseguenze delle sue azioni. Il Gabon è anche pronto a sostenere altre misure che il Consiglio potrebbe adottare a sostegno del popolo libico e il loro diritto alla vita e alla libertà di parola.

Maria Luiza RIBEIRO Viotti (Brasile) ha detto che la sua delegazione è stata profondamente preoccupata per la drammatica situazione in Libia. Le misure adottate oggi avevano lo scopo di fermare la violenza, garantire la protezione dei civili e di promuovere il rispetto del diritto internazionale. La risoluzione è stata un “chiaro segnale” della disponibilità del Consiglio a rispondere alla situazione in modo coerente con le sue responsabilità. Il Brasile è stato un sostenitore di lunga data per l’integrità e per l’universalizzazione dello Statuto di Roma, e si oppose alla esenzione dalla giurisdizione dei cittadini di paesi non parti di essa. Il Brasile, ha quindi formulato le sue riserve sul paragrafo operativo della risoluzione 6, e ha ribadito la sua ferma convinzione che le iniziative volte a stabilire tali esenzioni non sono stati utili per far progredire la causa della giustizia e della responsabilità.
IBRAHIM DABBASHI (Libia) ha espresso le sue condoglianze ai martiri caduti sotto la repressione del regime libico, e ha ringraziato i membri del Consiglio per la loro azione unanime, che ha rappresentato un sostegno morale per il suo popolo, che stavano resistendo agli attacchi. La risoluzione potrebbe essere il segnale che una fine deve essere posta al regime fascista a Tripoli.
Ha lanciato un appello a tutti gli ufficiali delle forze armate libiche per sostenere il proprio popolo e rinunciare a dare il loro sostegno a Muammar Al-Gheddafi, che ha definito “criminale”. Ha accolto con favore, inoltre, il rinvio della situazione alla Corte penale internazionale e il fatto che le sanzioni non vengano inflitte a coloro che potrebbero abbandonare Al-Gheddafi.

BAN KI-MOON, il segretario generale delle Nazioni Unite, ha accolto con favore la risoluzione. “Anche se non può, da sola, porre fine alla violenza e alla repressione, è un passo vitale – una chiara espressione della volontà di una comunità unita di nazioni”. Chiamare gli eventi in Libia “violazioni netta di tutte le norme che disciplinano il comportamento internazionale e gravi trasgressioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario”, ha detto che era di grande importanza e che il Consiglio è stato determinato a raggiungere il consenso e sostenere le proprie responsabilità.
Spera che il forte messaggio che “gravi violazioni dei diritti umani fondamentali non saranno tollerati e che i responsabili di gravi crimini saranno ritenuti responsabili” sia ascoltata dal regime in Libia e che porti speranza e sollievo a quanti sono ancora in rischio. Le sanzioni sono state un passo necessario per accelerare la transizione verso un nuovo sistema di governo che abbia il consenso della popolazione e la partecipazione.
Egli si è impegnato a monitorare la situazione da vicino e rimanere in contatto con il mondo e i leader regionali per sostenere l’azione rapida e concreta.
“Oggi le misure sono dure. “Nei prossimi giorni azioni ancora più incisive potrebbero essere necessarie.

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *