“Cleri, che vita mi hai regalato!” – Presentazione del nuovo libro di Angelo Saracini

Si presenterà lunedì 12 Dicembre 2022, ad Atene, il nuovo libro bilingue (italiano e greco) di Angelo Saracini dal titolo “Cleri, che vita mi hai regalato!”

Relatori:

Niko Kleitsikas,  giornalista storico

Theodoro Anghelopoulos,  Ente Mikali Kakoghiannis e Presidente Associazione greci laureati in Italia SEPI

Lambros Mixos,  sindaco di Santa Barbara (Atene)

Al The Blind Begger, Stoa’ ATRIUM, Xarilaou Trikoupi 6/10, Atene

“Dalla nascita su una barca col papà perseguitato come partigiano durante la guerra civile greca e poi imprigionato sull’isola di Gyaros, la vita di Cleri è costellata di difficoltà e pericoli che ha sempre affrontato con coraggio e determinazione. I primi suoi anni giovanili insieme alla sorella Maria e con la mamma Evmorfia. La liberazione del padre Giovanni e il distacco dalla madre. La partecipazione al movimento Lambrakis a Salonicco e poi la partenza per studi in Italia. La sua vita in Italia e l’incontro con il suo futuro marito Angelo. Il primo discorso di una studentessa greca a Roma contro la dittatura dei colonelli, tre giorni dopo il colpo di Stato in Grecia. Il matrimonio in Vaticano e poi, dopo la laurea, il ritorno in Grecia ancora durante la ditattura per aiutare la sorella che era stata imprigionata a Gyaros. Il continuo pedinamento da parte dei sicari dei colonelli e le schedature della polizia di Kavala, Thassos, Salonicco e Atene. Le difficoltà dei primi anni ad Atene e poi l’assunzione di posti di responsabilità governativa durante i governi socialisti di Andrea Papandreou. Le sue attività come architetto insieme al marito Angelo, e poi la sua partecipazione sempre in prima fila offrendo il suo contributo spontaneo nei vari movimenti sociali e politici della società greca, ma anche italiana.”

Breve intervista di Marie-Jeanne Atanasia, all’autore, Prof Angelo Saracini, Cavaliere della Repubblica Italiana, architetto e pittore

Marie-Jeanne Atanasia: Cavaliere, dove si trova meglio: a Roma, o ad Atene?

Angelo Saracini: Da una vita sto ad Atene, ormai non faccio più paragoni.

MJA: E Roma non le manca mai?

AS: In questo momento no.

MJA: A me invece Roma mi manca proprio tanto…

Ma i miei genitori però dicono che Roma già la conosco, e che devo conoscere anche Athene e Thessaloniki, anche la Grecia…!!!

AS: Hanno ragione.

MJA: Anche la presentazione del Vostro libro sarà bilingue, come il libro, e se sì, con sottotitoli online, o traduzione simultanea, e solo in sala?

AS: In greco, ci saranno greci e italiani che conoscono il greco.

Il traduttore del libro in greco, Giorgos Laghionis, l’ho seguito io, che conosco il greco.

Mi hanno anche contattato per farne un film, sulla vita di mia moglie. Ma è troppo presto per parlarne adesso.

MJA: Che tecnica è, il quadro sopra ?

AS: Mista, olio e collage. Dittico. 

MJA: È in vendita?

AS: No.

Sulla destra in alto c’è un tempio greco, colonne, ecc, ci sono riferimenti all’antichità e al mondo moderno.

MJA: Telepatia… proprio questo volevo chiedere.

AS: Bellissimo, allora ti comunica qualcosa.

Molti miei quadri sono una critica al caos della società moderna.

MJA: Nel quadro al centro cosa c’è di verde, giallo, rosso?

AS: Il verde e gli altri colori al centro sono simbolici e con un ritorno alla speranza.

MJA: Di che anno è questo Suo quadro?

AS: Di 20 – 30 anni fa, mi sono fermato a dipingere per lavorare ai progetti e ai cantieri edilizi insieme a mia moglie.

MJA: L’architettura, invece, come la vorrebbe?

AS: È un discorso lungo… così complesso, con 2 parole: lineare ed essenziale.

Leggendo il libro forse capirai anche qualcosa sui miei quadri.

MJA: Ha mai dipinto il Pantheon?

AS: No.

MJA: Angelo, scordavo: per cosa è stato nominato Cavaliere?

AS: Quando sono stato eletto Presidente del Comites Grecia per le mie attività e programmazione per la comunità italiana in Grecia e per una ricerca e poi mostra all’Istituto Italiano di Cultura sull’unica storia degli italiani in Grecia dal 1821 a oggi, dal ministro Tremaglia, nel 2004/5 ad Atene. C’è anche una pagina Facebook.

MJA: Alla Scuola Italiana di Atene cosa insegnava?

AS: Matematica e disegno.

Sono anche stato 6 mesi a Venezia, dove c’è pure la comunità Greci a Venezia, con mia moglie per un lavoro importante, lo scrivo sul libro. Città unica! 

MJA: Ho visto anche delle foto di sua moglie con Irene Papas.

AS: Nel libro c’è solo una foto con Irene Papas. Scattata da me. Le altre le tengo io. Sono private. 

condividi su: