13 Luglio 2024
Home AUSILIA ECCELSO (IDV) SULL’ACCOGLIMENTO AL TAR DEL RICORSO SUL RIGASSIFICATORE

1 thought on “AUSILIA ECCELSO (IDV) SULL’ACCOGLIMENTO AL TAR DEL RICORSO SUL RIGASSIFICATORE

  1. E’ La scarsa informazione che ostacola la richiesta di chi pone altre soluzioni ad un rigassificatore a terra, perché, in base alle direttive Seveso 3 la 2003/105/CE. Sono le popolazioni a dover conoscere il rischio e ad accettarlo o meno. E’ dovere dei rappresentanti politici consultare la popolazione per questioni che comportano la sicurezza del territorio e la vita stessa di migliaia di persone. Ed è la politica che deve – con gli elementi di conoscenza raccolti – avviare una fase di consultazione democratica. Ad esempio anche le centrali nucleari avevano ricevuto i nullaosta e le autorizzazioni degli organi tecnici, ma hanno ottenuto il rifiuto della popolazione che ha ritenuto troppo alto il rischio da dover correre. 2 ad esempio, verrebbe ridotta la funzionalità portuale, dato che le navi gasiere bloccano il traffico marittimo in una fascia di navigazione molto ampia circa 4 miglia. E l’elenco dei benefici occupazionali è così esiguo da rendere ridicolo ogni ragionamento su un impianto che dà 40 posti di lavoro a malapena. 3) Esiste la possibilità di espandere direttamente a bordo di una nave il gnl NAVE RIGASSIFICATRICE. Questa può rigassificare direttamente a bordo circa 4 miliardi di m3 di gas all’anno.Ed è già funzionante in tante parti del mondo dove la gestione del rigassificatore a terra è oramai è abbandonata da tempo e avviene tramite un terminale di ricezione collegato con un gasdotto sottomarino anche (OFFSHORE vedi quello delle Marche CDF SUEZ).Premettendo che la manodopera richiesta per OFFSHORE è di gran lunga superiore ad un impianto a terra, giacché oltre a quelli adibiti ai comandi a terra, si aggiungerebbero quelli richiesti all’attracco. Esistono navi metaniere con cisterne supertecnologiche capaci di contenere gas naturale compresso a 200 atmosfere che va semplicemente liberato da un sistema di valvole senza bisogno quindi di rigassificatori a terra. LA TECNOLOGIA AVANZA AGRIGENTO E PORTO EMPEDOCLE RESTANO ALL’ETA’ DELLA PIETRA.

Lascia un commento