Capitano scrive al Presidente della Provincia D’Orsi, per donare all’ente due semafori

Ill.mo Presidente Provincia Regionale Dott. Prof. Eugenio D’Orsi,
mi pregio porgeLe una collaborazione in merito alla soluzione di una grave problematica sollevata da tanti cittadini riguardo la pericolosità della percorribilità di una arteria cittadina appartenente alla Provincia Regionale di Agrigento , che dal bivio per Villaggio Mosè nelle vicinanze della rotonda di Giunone , conduce al bivio per San Leone – Via dei Giardini , con precisione la Via Alfredo Capitano , dove la ristretta e tortuosa strada , costringe i camion , autobus, autovetture e motociclette, a transitare con estrema difficoltà e pericolosità .
Spesso si incontrano e si incrociano mezzi pesanti nei due sensi con autovetture , che specie nelle curve a gomito , sono soggette a fare manovre improvvise e pericolose . La grave pericolosità e tortuosità della strada ha fatto registrare un elevato numero d’ incidenti .
La manovrabilità , degli autisti in queste curve , dunque , risulta soggetta a gravi pericoli e pertanto, occorre porre rimedio per prevenire eventuali danni e incidenti gravi e mortali.
Al fine di scongiurare eventuali danni a persone e cose , dono a Codesta Spett.Le Amministrazione Provinciale , due semafori completi di trasformatore a 12 volts , per farli funzionare in prossimità delle curve più pericolose , o come indicatori di pericolo , oppure , secondo la valutazione degli Esperti Funzionari di Codesto Ente , l’ eventuale messa in opera a regime di senso alternato , per dare sicurezza e migliore fruizione ai mezzi pesanti e alle autovetture , avanzando senza pericoli – secondo la normativa del codice della strada – .
La S.V.Ill.ma vorrà cogliere l’occasione benevolmente e provvedere a sollecitare l’Ufficio Tecnico di pertinenza al ritiro dei semafori presso la mia abitazione , previo accordo telefonico.
Agrigento,13 Gennaio 2011 Distinti saluti
Dott. Aldo Capitano

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*