Silvio Berlusconi affronta le accuse di collusioni tra suoi fedelissimi e la mafia, come fossero acqua fresca. Nick Squires, sulle pagine del ‘The Telegraph’ spiega ai suoi connazionali perché il premier italiano rimane al potere

Come diavolo fa a farlo? si chiede il giornalista inglese.

Come Silvio Berlusconi è riuscito ad essere eletto presidente del Consiglio, non una, ma tre volte?

Dopo tutti gli scandali sessuali che farebbero arrossire un calciatore…

La sua passione sessista, razzista, le battute da bar, hanno fatto di lui il principe dei clown d’Europa, che riversa scherno e derisione sui suoi concittadini. Dovrebbe affrontare due processi per corruzione, ma entrambi se li è risparmiati grazie ad alcune leggi servite a tavola dal suo esercito di avvocati.

Ha impilato il parlamento italiano con decine di vecchi amici, tra compagni universitari, avvocati e splendide showgirls.

Un libro recentemente pubblicato da un accademico di Princeton, Maurizio Viroli, dice che l’Italia si è trasformata da “una repubblica democratica in una corte che ha al centro un signore feudale circondato da una pletora di cortigiane ammirate e invidiate da una moltitudine di persone con un spirito servile “.

È stato accusato – ma mai condannato – di collusioni con la mafia siciliana, tramite uno dei suoi più stretti collaboratori, Marcello Dell’Utri, condannato per associazione mafiosa. Ognuna di queste trasgressioni avrebbe segnato la fine improvvisa della carriera di qualsiasi altro leader occidentale.

Gli italiani sono ben consapevoli del fatto. Gli editoriali dei giornali, spesso iniziano con “In ….” Paese normale delle Nazioni Unite -” In qualsiasi paese normale ….” Eppure Berlusconi è ancora in carica, il suo sorriso da gatto del Cheshire e la sua abbronzatura permanente, personificano l’Italia del 2010.

Allora, perché non è stato cacciato? La risposta si trova, in parte, con il fatto che l’alternativa non è gradita a molti italiani. L’opposizione di centro-sinistra non sembra essere in grado di agire. In due anni, il Partito Democratico ha avuto non meno di tre dirigenti, nessuno dei quali in grado di dare un pugno politico al premier. La disperazione della sinistra è aggravata dal fatto che la maggior parte degli italiani attingono le notizie dalla televisione, e la maggior parte dei canali del paese sono di proprietà, o indirettamente controllate, Berlusconi.

Berlusconi è in grado di creare e controllare un’immagine pubblica in un modo che nessun altro leader democratico è in grado di fare. Il suo governo è in uno stato di paralisi virtuale – la sua risposta alle alluvioni è insufficiente, Pompei si sta sbriciolando e la disoccupazione è in aumento, eppure dà l’impressione, attraverso i suoi canali televisivi, riviste e giornali, di essere un uomo decisivo di azione, affrontando energicamente i molti problemi dell’Italia.

“Cosa ne pensa la maggioranza degli italiani?”, chiede in un nuovo libro Beppe Severgnini, uno dei giornalisti e scrittori più noti del paese. “Sembra come noi. Lui è uno di noi. Lui adora i suoi figli, racconta la sua mamma, conosce il calcio, fa i soldi, odia le regole, racconta barzellette, giura un po ‘, adora le donne, ama far festa … “Molti degli italiani che preferiscono l’auto-indulgenza all’autodisciplina, ammette che lui fa quello che loro possono solo sognare di fare…”

Dopo aver letto l’articolo sul quotidiano inglese, più che vergognarsi Berlusconi, dovremmo vergognarci tutti noi italiani…

Gian J. Morici

Please follow and like us:

One Response to Silvio Berlusconi affronta le accuse di collusioni tra suoi fedelissimi e la mafia, come fossero acqua fresca. Nick Squires, sulle pagine del ‘The Telegraph’ spiega ai suoi connazionali perché il premier italiano rimane al potere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*