Legambiente coinvolta nel business del fotovoltaico. Risponde la Direttrice Generale di Legambiente, Dott.ssa Rossella Muroni

Siamo certamente onorati dell’attenzione che i vertici nazionali di Legambiente rivolgono al nostro sito ed è sempre un piacere poterli ospitare su queste pagine.
La prima volta, accadde con il Presidente nazionale Cogliatti Dezza, il quale non aveva gradito un articolo di critica nei riguardi dell’Associazione.
Oggi abbiamo il piacere e l’onore di ospitare il commento della Direttrice Generale di Legambiente, Dott.ssa Rossella Muroni, alla quale ci è sembrato opportuno dare adeguato spazio, riportando sotto forma di articolo la sua risposta al nostro‘
Legambiente coinvolta nel business del fotovoltaico. Le associazioni denunciano’.
Questa la risposta della Dott.ssa Rossella Muroni:

NOTA DI LEGAMBIENTE SU FOTOVOLTAICO ED ENERGIE RINNOVABILI
Legambiente ha presentato in una affollata conferenza stampa a Lecce lo scorso 14 Ottobre il progetto di solare fotovoltaico a concentrazione da realizzare a Cutrofiano. Per cui stupisce che qualcuno possa denunciare speculazioni e intrighi quando tutto e’ alla luce del sole, pubblicamente discusso e addirittura rivendicato.
Si, rivendicato, perche’ Legambiente e’ orgogliosa di presentare un progetto che riguarda una tecnologia mai realizzata in Italia. Stiamo infatti parlando di pannelli solari a concentrazione che hanno una resa di circa il 40% superiori ai pannelli fotovoltaici, e dunque rispondono a una fondamentale esigenza di spingere innovazione e efficienza in un campo cosi’ strategico per il futuro energetico. E rivendicato perche’ quello che si cerchera’ di fare e’ di sperimentare l’integrazione tra questi pannelli, che sono montati su supporti ad un altezza di un metro e mezzo da terra, e la produzione agricola. E’ un progetto pilota, non esistono esperienze di questo tipo al mondo, che punta a dimostrare che e’ possibile anche avere coltivazioni biologiche certificate, e quindi facendo a meno di solventi chimici per la pulizia dei pannelli. Il progetto e’ stato presentato pubblicamente perche’ comincia ora l’iter di approvazione, non c’e’ nessun cantiere da inaugurare, questa e’ veramente una esperienza che vogliamo approfondire e discutere senza remore. Anche perche’ la andremo a realizzare in un area agricola che e’ stata per molti anni coltivata a tabacco e che rischia, come tante altre aree a Cutrofiano e nel Salento, di diventare una cava (ricordiamo che in Puglia non si paga un Euro per cavare a fronte di un impatto devastante) o di attivita’ agricole residuali viste le difficolta’ che attraversa il settore, o magari di ospitare un impianto fotovoltaico tradizionale.
Noi pensiamo che la strada della integrazione tra produzioni agricole e fonti rinnovabili sia la prospettiva piu’ intelligente per la Puglia e per un Paese come l’Italia. Lo sappiamo che e’ una sfida difficile, che ha bisogno di regole di tutela attente e lungimiranti, di sperimentazioni e controlli. Entro gennaio le Regioni italiane dovranno fissare proprio queste regole, nell’ambito delle Line guida nazionali approvate dal Governo. Legambiente presentera’ nei prossimi giorni le proprie proposte e vogliamo discuterle con tutti, agricoltori e imprenditori delle rinnovabili, costruttori e sindacati, amministratori pubblici. Noi, rimaniamo convinti che un confronto alla luce del sole rafforzi chi ha idee, valori e vuole battersi per realizzarli. E pensiamo che ogni critica, se in buona fede, sia la benvenuta. Se la pensassimo diversamente, se avvessimo voluto realizzare una speculazione non avremmo certamente convocato una conferenza stampa.

Infine c’e’ un ultimo aspetto di cui siamo orgogliosi e che non vogliamo in alcun modo nascondere. Abbiamo scelto di promuovere AzzeroCo2, insieme al Kyoto Club e all’Istituto Ambiente Italia, perche’ siamo convinti che alcuni interventi nel nostro Paese si debbano muovere molto piu’ velocemente e, se nessuno lo fa, dobbiamo anche dimostrare che sono possibili. Il progetto di solare a concentrazione integrato in agricoltura a Cutrofiano va in questa direzione come il progetto Eternit Free che stiamo portando avanti in tutta Italia. Sostituire I tetti in amianto con tetti solari fa bene all’ambiente e alla salute dei cittadini. Di questo si occupa AzzeroCo2 oltre che di piantumazioni e di interventi di efficienza energetica, di azzeramento delle emissioni di gas serra. Tutto trasparente, pulito, rivendicato. Come trasparente, pulita, rivendicata e’ la nostra partecipazione con una quota del 10% in Sorgenia Menowatt, che si occupa di illiminazione e promuove la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di CO2. Sono tutte scelte discusse nell’associazione, addirittura scritte nei documenti congressuali, e che partono dalla convinzione che per cambiare il mondo a partire dall’energia serva anche dare una mano laddove questo cambiamento comincia a muovere I passi. Siamo felici di avere tutte queste attenzioni, ma siccome siamo un associazione di cittadini con delle regole democratiche di funzionamento non accettiamo lezioni di comportamento. Soprattutto se sostengono argomentazioni false, anche perche’ solo in malafede si puo’ sostenere come compare in alcuni blog, che Legambiente “tolleri” il carbone quando organizziamo campagne, manifestazioni, vertenze e siamo ovunque in Italia, e da 30 anni, in prima fila contro la fonte fossile piu’ inquinante e dannosa per il clima. Ma sappiamo che e’ il conto che dobbiamo pagare perche’ diamo fastidio a molti con le nostre idee e iniziative, soprattutto a chi ha interesse a che nulla cambi.

Per le vere informazioni su nostre posizioni e progetti rimandiamo al sito 

http://www.legambiente.it  

Dott.ssa Rossella Muroni
 

 

 

Please follow and like us:

One Response to Legambiente coinvolta nel business del fotovoltaico. Risponde la Direttrice Generale di Legambiente, Dott.ssa Rossella Muroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*