EMENDAMENTO PRESENTATO IN FINANZIARIA DA MATTEO MANGIACAVALLO PER CHIUDERE L’ITER DEL MUSEO REGIONALE DI SCIACCA

Giornata di attività parlamentare in ARS per il deputato regionale e candidato a sindaco per il Comune di Sciacca, Matteo Mangiacavallo in occasione dell’ultima finanziaria del governo Musumeci. Tra le proposte del parlamentare saccense, che saranno sottoposte al voto dell’aula, anche un emendamento per sbloccare definitivamente l’iter di istituzione del Museo Regionale di Sciacca.

La giunta regionale aveva deliberato, nel febbraio del 2021, lo stanziamento di 7 milioni di euro destinati alla realizzazione del progetto di musealizzazione del Complesso di Santa Margherita di Sciacca e alla sua trasformazione in Museo Regionale, come da legge del 1991.

Approvando questa norma – commenta Matteo Mangiacavallo – raggiungeremo un traguardo importante nell’iter procedurale che ho seguito passo per passo, organizzando e partecipando ad incontri coi vari interlocutori, tra ufficio comunale ai tributi, assessorato regionale al Bilancio, assessorato e sovrintendenza ai Beni Culturali e ASP di Agrigento”.  
L’ASP di Agrigento aveva deliberato nel 2020 la volontà di andare avanti con la liquidazione della Fondazione Pardo, che oggi detiene il possesso dell’immobile, e su cui pende il pagamento delle imposte comunali che ammontano a circa 150.000 euro.

Oggi, con l’emendamento presentato in finanziaria – conclude il deputato regionale, ora candidato a sindaco di Sciacca – voglio chiudere questa partita finanziando il pagamento delle imposte dovute dall’ente che detiene il possesso del bene verso il nostro Comune, per poi andare avanti verso il passaggio conclusivo, ovvero il trasferimento del Complesso monumentale Santa Margherita alla Regione Siciliana che,. a sua violta dovrà completarne la musealizzazione. A quel punto avremo il quadro completo: i 7 milioni stanziati dalla Regione, la disponibilità del bene su cui investire e la progettazione a cura della soprintendenza ai BBCC di Agrigento”.

Please follow and like us: