Il disagio dei militari americani. L’ultima lettera di Tomas Young

marinesWASHINGTON – Un gruppo di funzionari del Dipartimento della Difesa ha detto ieri al Congresso che i loro sforzi per far fronte ai suicidi di militari persisteranno.

 

Il numero dei casi di suicidi tra i militari americani, specie tra quelli che partecipano a missioni all’estero, è talmente elevato da aver imposto la strutturazione di un apposito Ufficio Prevenzione Suicidio della Difesa.  Jacqueline Garrick, direttore ad interim dell’Ufficio Prevenzione ha dichiarato che il numero dei suicidi è aumentato.

 

“Mentre le lesioni fisiche sono più facili da vedere – ha affermato Howard B. Bromberg, la vice capo del personale per il personale dell’esercito. -, ci sono molte ferite che sono invisibili, come la depressione, l’ansia, lo stress post-traumatico. Il comportamento suicida è un problema nazionale che colpisce tutti gli americani in tutte le dimensioni della società, compresi quelli che hanno scelto di servire la nazione.”

 

Funzionari del Dipartimento della Difesa temono che al completamento delle indagini e le determinazioni finali della modalità della morte, nell’anno 2012 si registrerà un notevole aumento dei suicidi rispetto gli anni precedenti.

 

I funzionari del Dipartimento della Difesa, che hanno seguito da vicino ogni suicidio e tentato suicidio  dal 2008, riferiscono che le tendenze indicano come la maggior parte si siano verificati in  maschi caucasici di età inferiore ai 29 anni che hanno avuto una formazione di scuola superiore.

 

In molti casi i militari avrebbero utilizzato armi da fuoco e si sarebbero uccisi in casa propria.

 

Da tempo, specie dopo le numerose diserzioni tra i soldati impegnati in Iraq, i militari che operano all’estero sono costantemente tenuti sotto controllo. A gettare acqua sul fuoco, la dichiarazione di Garrick, secondo il quale “meno della metà era personale schierato, e pochi sono stati coinvolti in combattimenti”.

 

“Dal momento che i membri in servizio spesso credono che la ricerca di aiuto significa la fine della carriera militare, la formazione è fondamentale” ha detto Garrick. “In realtà, dinieghi e revoche che coinvolgono la salute mentale sono meno del 1%. Pertanto, i membri in servizio devono capire che la ricerca di aiuto è un segno di forza e … non mette in pericolo i loro giochi. ”

 

Sparatoria al Marine Corps Base Quantico, Virginia

 

Quasi a fare eco alle dichiarazioni di Garrick, l’ennesima tragedia che ha per protagonisti i marines.

Tre marines in servizio attivo sono morti dopo una sparatoria verificatasi ieri sera presso  il Marine Corps Base Quantico, in Virginia

 

Uno dei morti era l’assassino, che si sarebbe suicidato dopo aver ucciso i suoi commilitoni. I nomi dei morti non sono stati resi noti in attesa della notifica alle loro famiglie.

 

In una dichiarazione rilasciata questa mattina, l’addetto stampa del Pentagono George Little ha dichiarato che il segretario alla Difesa Chuck Hagel si è rattristato nell’apprendere la notizia.

 

“Questa tragedia, così come la tragedia in Nevada all’inizio di questa settimana, ha preso la vita di marines che si sono offerti di servire la loro nazione,” ha detto Little. “Il suo cuore e le sue preghiere – riferendosi al segretario alla Difesa – sono con loro e le loro famiglie. Egli ritiene che la forza leggendaria del Marine Corps degli Stati Uniti farà in modo che essi siano sempre ricordati. ”

 

Mentre i politici fanno il loro dovere spendendo belle – quanto vuote – parole, gli “incidenti” aumentano, così come i suicidi.

In queste ore sui social network gira una lettera a firma di Tomas Young, il quale si definisce “un veterano morente”, che rappresenta in sé un atto di accusa che vi invitiamo a leggere:

 

 

Un messaggio a George W. Bush e Dick Cheney da un veterano morente

 

A: George W. Bush e Dick Cheney

Da: Tomas Young

 

IMG_7389-tomas-young-dig-804-croppedScrivo questa lettera nel 10 ° anniversario della guerra in Iraq a nome dei miei compagni veterani della guerra in Iraq. Scrivo questa lettera a nome dei 4.488 soldati e marines morti in Iraq. Scrivo questa lettera a nome delle centinaia di migliaia di veterani che sono stati feriti e per conto di coloro le cui ferite, fisiche e psicologiche, hanno distrutto le loro vite. Io sono uno di quelli gravemente feriti. Rimasi paralizzato in un agguato dei ribelli nel 2004 a Sadr City. La mia vita sta volgendo al termine. Sto vivendo in un ospizio.

 

Scrivo questa lettera per conto dei mariti e delle mogli che hanno perso il coniuge, a favore dei bambini che hanno perso un genitore, a nome dei padri e delle madri che hanno perso i figli e le figlie e per conto di coloro che hanno a cuore le molte migliaia dei miei colleghi veterani che hanno lesioni cerebrali. Scrivo questa lettera a nome di quei veterani che il trauma e l’ auto-repulsione per ciò che hanno visto, subito e fatto in Iraq, hanno portato al suicidio e per conto de soldati e Marines in servizio attivo che commettono, in media, un suicidio al giorno. Scrivo questa lettera a nome di circa 1 milione di iracheni morti e degli innumerevoli feriti iracheni. Scrivo questa lettera a nome di tutti noi, i detriti umani che la vostra guerra ha lasciato dietro, quelli che passano la vita nella pena senza fine e nel dolore.

 

Scrivo questa lettera, la mia ultima lettera, a voi, Bush e Cheney. Io scrivo non perché penso di cogliere le terribili conseguenze umane e morali della vostra menzogna, manipolazione e sete di ricchezza e potere. Scrivo questa lettera perché, prima della mia morte, voglio chiarire che io, e centinaia di migliaia di miei colleghi veterani, insieme a milioni di miei concittadini, insieme a centinaia di altri milioni in Iraq e in Medio Oriente, conosciamo pienamente chi siete e quello che avete fatto. Potrete sottrarvi alla giustizia, ma ai nostri occhi siete ciascuno colpevole di crimini di guerra eclatanti, di saccheggio e, infine, di omicidio, tra cui l’uccisione di migliaia di giovani americani, i miei compagni veterani, il cui futuro avete rubato.

 

Le posizioni di autorità, i milioni di dollari di patrimonio personale, i vostri consulenti di pubbliche relazioni, il vostro privilegio e il potere non possono mascherare la vacuità dei vostri personaggi. Ha mandato a combattere e morire in Iraq dopo, Mr. Cheney, che ha schivato il progetto in Vietnam, e lei, signor Bush, si assentò senza permesso dalla unità della Guardia Nazionale. La vostra vigliaccheria ed egoismo sono stati stabiliti decenni fa. Non eravate disposti a rischiare voi stessi per la nostra nazione, ma avete mandato centinaia di migliaia di giovani uomini e donne ad essere sacrificati in una guerra senza senso, senza pensare più di quanto è necessario per mettere fuori la spazzatura.

 

Sono entrato nell’esercito due giorni dopo gli attacchi dell’11 / 9. Sono entrato nell’esercito perché il nostro paese era stato attaccato. Volevo colpire coloro che avevano ucciso circa 3.000 dei miei concittadini. Io non mi ero arruolato nell’esercito per andare in Iraq, un paese che non ha partecipato agli attentati del settembre 2001 e non rappresentava una minaccia per i suoi vicini, e tanto meno per gli Stati Uniti. Io non mi ero arruolato nell’esercito per “liberare” gli iracheni o per spegnere le strutture delle mitiche armi di distruzione di massa- o per impiantare quella che cinicamente avete chiamato “democrazia” a Baghdad e nel Medio Oriente. Io non mi ero arruolato nell’esercito per ricostruire l’Iraq, che a quel tempo ci avete detto che poteva essere pagato dalle entrate petrolifere irachene. Invece, questa guerra è costata agli Stati Uniti oltre $ 3 miliardi di dollari. In particolare non ho aderito all’esercito per svolgere una guerra preventiva. La guerra preventiva è illegale secondo il diritto internazionale. E poichè sono stato un soldato in Iraq , ora io so che ho favorito la vostra idiozia e i vostri crimini. La guerra in Iraq è il più grande errore strategico nella storia degli Stati Uniti. Ha cancellato l’equilibrio di potere in Medio Oriente. E ha installato un corrotto e brutale filo-iraniano governo di Baghdad, uno cementato al potere attraverso l’uso della tortura, degli squadroni della morte e del terrore. E ha lasciato l’Iran come la forza dominante nella regione. Ad ogni livello -morale, strategico, militare ed economico- l’Iraq è stato un fallimento. E siete stati voi, Bush e Cheney, che avete iniziato questa guerra. Siete voi che dovreste pagarne le conseguenze.

 

Io non avrei scritto questa lettera se fossi stato ferito nei combattimenti in Afghanistan contro quelle forze che hanno effettuato gli attacchi del 9/11. Se fossi stato ferito sarei ancora infelice a causa del mio decadimento fisico e della morte imminente, ma avrei almeno avuto il conforto di sapere che le mie ferite erano una conseguenza della mia decisione per difendere il paese che amo. Non avrei dovuto mentire nel mio letto, il mio corpo pieno di antidolorifici, la mia vita che gli sfugge, e affrontare il fatto che centinaia di migliaia di esseri umani, compresi i bambini, me compreso, sono stati sacrificati da voi per poco più dell’avidità delle compagnie petrolifere, per la vostra alleanza con gli sceicchi del petrolio in Arabia Saudita, e le vostre visioni folli dell’impero.

 

Ho, come molti altri veterani disabili, sofferto per le cure inadeguate e spesso inette fornite dalla Veterans Administration. Come molti altri veterani disabili, mi rendo conto che le nostre ferite mentali e fisiche non sono di vostro interesse, forse di nessun interesse per qualsiasi politico. Siamo stati utilizzati. Siamo stati traditi. E noi siamo stati abbandonati. Lei, signor Bush, fa finta di essere molto cristiano. Ma mentire non è un un peccato? Non è un peccato uccidere? Non sono peccati furti e rivalità? Io non sono un cristiano. Ma io credo nell’ideale cristiano. Io credo che quello che fate al più piccolo dei vostri fratelli alla fine lo fai a te stesso, alla tua anima.

 

Il mio giorno della resa dei conti è sopra di me. Il vostro verrà. Spero che sarete messi sotto processo. Ma soprattutto mi auguro, per il vostro bene, che troviate il coraggio morale di fronte a quello che avete fatto per me e per molti, molti altri che meritavano di vivere. Mi auguro che, prima che il tempo sulla terra finisca, come il mio sta per concludersi, troviate la forza di carattere per stare davanti al pubblico americano e del mondo, e in particolare al popolo iracheno, e chiedere perdono.

 

 

La lettera in lingua inglese

The Last Letter

A Message to George W. Bush and Dick Cheney From a Dying Veteran

 

To: George W. Bush and Dick Cheney

From: Tomas Young

 

I write this letter on the 10th anniversary of the Iraq War on behalf of my fellow Iraq War veterans. I write this letter on behalf of the 4,488 soldiers and Marines who died in Iraq. I write this letter on behalf of the hundreds of thousands of veterans who have been wounded and on behalf of those whose wounds, physical and psychological, have destroyed their lives. I am one of those gravely wounded. I was paralyzed in an insurgent ambush in 2004 in Sadr City. My life is coming to an end. I am living under hospice care.

 

I write this letter on behalf of husbands and wives who have lost spouses, on behalf of children who have lost a parent, on behalf of the fathers and mothers who have lost sons and daughters and on behalf of those who care for the many thousands of my fellow veterans who have brain injuries. I write this letter on behalf of those veterans whose trauma and self-revulsion for what they have witnessed, endured and done in Iraq have led to suicide and on behalf of the active-duty soldiers and Marines who commit, on average, a suicide a day. I write this letter on behalf of the some 1 million Iraqi dead and on behalf of the countless Iraqi wounded. I write this letter on behalf of us all—the human detritus your war has left behind, those who will spend their lives in unending pain and grief.

 

I write this letter, my last letter, to you, Mr. Bush and Mr. Cheney. I write not because I think you grasp the terrible human and moral consequences of your lies, manipulation and thirst for wealth and power. I write this letter because, before my own death, I want to make it clear that I, and hundreds of thousands of my fellow veterans, along with millions of my fellow citizens, along with hundreds of millions more in Iraq and the Middle East, know fully who you are and what you have done. You may evade justice but in our eyes you are each guilty of egregious war crimes, of plunder and, finally, of murder, including the murder of thousands of young Americans—my fellow veterans—whose future you stole.

 

Your positions of authority, your millions of dollars of personal wealth, your public relations consultants, your privilege and your power cannot mask the hollowness of your character. You sent us to fight and die in Iraq after you, Mr. Cheney, dodged the draft in Vietnam, and you, Mr. Bush, went AWOL from your National Guard unit. Your cowardice and selfishness were established decades ago. You were not willing to risk yourselves for our nation but you sent hundreds of thousands of young men and women to be sacrificed in a senseless war with no more thought than it takes to put out the garbage.

 

I joined the Army two days after the 9/11 attacks. I joined the Army because our country had been attacked. I wanted to strike back at those who had killed some 3,000 of my fellow citizens. I did not join the Army to go to Iraq, a country that had no part in the September 2001 attacks and did not pose a threat to its neighbors, much less to the United States. I did not join the Army to “liberate” Iraqis or to shut down mythical weapons-of-mass-destruction facilities or to implant what you cynically called “democracy” in Baghdad and the Middle East. I did not join the Army to rebuild Iraq, which at the time you told us could be paid for by Iraq’s oil revenues. Instead, this war has cost the United States over $3 trillion. I especially did not join the Army to carry out pre-emptive war. Pre-emptive war is illegal under international law. And as a soldier in Iraq I was, I now know, abetting your idiocy and your crimes. The Iraq War is the largest strategic blunder in U.S. history. It obliterated the balance of power in the Middle East. It installed a corrupt and brutal pro-Iranian government in Baghdad, one cemented in power through the use of torture, death squads and terror. And it has left Iran as the dominant force in the region. On every level—moral, strategic, military and economic—Iraq was a failure. And it was you, Mr. Bush and Mr. Cheney, who started this war. It is you who should pay the consequences.

 

I would not be writing this letter if I had been wounded fighting in Afghanistan against those forces that carried out the attacks of 9/11. Had I been wounded there I would still be miserable because of my physical deterioration and imminent death, but I would at least have the comfort of knowing that my injuries were a consequence of my own decision to defend the country I love. I would not have to lie in my bed, my body filled with painkillers, my life ebbing away, and deal with the fact that hundreds of thousands of human beings, including children, including myself, were sacrificed by you for little more than the greed of oil companies, for your alliance with the oil sheiks in Saudi Arabia, and your insane visions of empire.

 

I have, like many other disabled veterans, suffered from the inadequate and often inept care provided by the Veterans Administration. I have, like many other disabled veterans, come to realize that our mental and physical wounds are of no interest to you, perhaps of no interest to any politician. We were used. We were betrayed. And we have been abandoned. You, Mr. Bush, make much pretense of being a Christian. But isn’t lying a sin? Isn’t murder a sin? Aren’t theft and selfish ambition sins? I am not a Christian. But I believe in the Christian ideal. I believe that what you do to the least of your brothers you finally do to yourself, to your own soul.

 

My day of reckoning is upon me. Yours will come. I hope you will be put on trial. But mostly I hope, for your sakes, that you find the moral courage to face what you have done to me and to many, many others who deserved to live. I hope that before your time on earth ends, as mine is now ending, you will find the strength of character to stand before the American public and the world, and in particular the Iraqi people, and beg for forgiveness.

 

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *