Grecia – Scontri in prossimità del Parlamento

ATENE – Come era prevedibile, la protesta dei cittadini greci, esasperati dalle misure finanziarie imposte dal governo e timorosi dalle nuove misure che il parlamento si appresta a varare, si è trasformata in un violento scontro tra manifestanti e forze di polizia.

 

Circa tremila agenti in assetto anti-sommossa, stanno tentando di tenere testa a 40-50mila manifestanti, che ben presto potrebbero diventare 200mila.

La polizia risponde  ai lanci di bombe carta e molotov sparando lacrimogeni contro la folla attorno a piazza Syntagma, mentre i black bloc vengono accolto con esultanza da parte della gente.

 

 

Già numerosi i feriti di quella che sembra destinata ad essere una lunga notte di scontri.

Almeno dodici edifici, stando alle informazioni dei vigili del fuoco, sarebbero in fiamme.

 

Ma lo scontro non è soltanto quello fisico nelle piazze. Gli Anonymous sono scesi in campo contro il governo greco, attaccando siti governativi e riuscendo in breve tempo a buttarli fuori dalla rete (clicca qui).

 

gjm

condividi su:

One Response to Grecia – Scontri in prossimità del Parlamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *