“San Calogero proteggi la città di Agrigento”. L’inefficienza del Comune, la pagano i cittadini. Multe da € 5.164,00

Agrigento – “La nostra civiltà contro il pizzo e l’usura” si legge nel verbale redatto dal settore di Polizia Municipale del Comune di Agrigento.

Verbali da € 5.164,00 quelli elevati ieri nel tardo pomeriggio al Lungomare Falcone Borsellino, da parte degli agenti della Polizia Municipale, in danno dei titolari di esercenti commerciali su aree pubbliche (camion panini, bancarelle, venditori di bibite ecc), che esercitavano la propria attività di vendita di prodotti “su area demaniale marittima senza essere in possesso del prescritto nulla osta rilasciato dalla competente autorità marittima.”

Verbali dunque motivati, vista la violazione di leggi in materia di commercio.

Peccato però che – come dichiarato  a verbale dagli stessi commercianti -, dopo aver presentato nei mesi di gennaio/febbraio regolare istanza all’ufficio Attività Produttive del  Comune di Agrigento, e dopo essersi più volte sentiti ripetere che le autorizzazioni erano “quasi pronte”, alla data di ieri, all’infuori del verbale da  € 5.164,00, non avessero ricevuto null’altro.

Gli stessi agenti che hanno verbalizzato i trasgressori, precisano: “Si dà atto di non procedere al sequestro amministrativo cautelare del mezzo utilizzato per la vendita delle merci, perché allo stato degli atti, risulta che l’esercente ha presentato in tempo utile (febbraio 2011 ndr) richiesta di autorizzazione ad occupare suolo pubblico all’ufficio Comunale, ove il procedimento autorizzativo è ancora in itinere”.

Orbene, o all’ufficio preposto evidentemente non si erano resi conto che le autorizzazioni erano state richieste per la stagione estiva, e non certo per festeggiare il Natale a San Leone, o c’è qualcosa che effettivamente non funziona.

Può esser mai che un cittadino richieda un’autorizzazione entro quelli che sono i termini utili previsti, e dopo sei mesi, a causa di ritardi non certamente allo stesso addebitabili, si veda costretto a dover pagare un verbale da  € 5.164,00 (misura ridotta!!!)?

Senza entrare nel merito di aspetti giuridici che non ci riguardano e che certamente saranno meglio analizzati da quanti hanno interesse a presentare opposizione, non ci resta che prender atto di come avesse ragione e consapevolezza il sindaco Marco Zambuto, quando in occasione dei festeggiamenti di San Calo’ fece apporre sul frontespizio del palazzo comunale lo striscione raffigurante il santo, con la scritta “San Calogero proteggi la città di Agrigento”.

Alcuni esercenti di San Leone, che stamani aspettavano il sindaco hanno commentato così i fatti: “Se chiudesse il Comune, sarebbe meglio. Visto quello che non hanno fatto (il rilascio delle autorizzazioni), ci saremmo quantomeno risparmiati i verbali”.

Una signora il cui volto lasciava trasparire una seria preoccupazione per l’abnorme cifra che dovrebbe andare a pagare a seguito di deficienze da parte dell’ufficio preposto al rilascio delle autorizzazioni, ha evidenziato come sarebbe opportuno eliminare dalle pagine dei verbali la dicitura “La nostra civiltà contro il pizzo e l’usura”, visto che proprio agli usurai qualcuno potrebbe essere costretto a ricorrere per pagare un verbale dai più ritenuto ingiusto.

“San Calogero proteggi la città di Agrigento”… Ma prima d’ogni cosa, proteggila dai burocrati e dai politici che la amministrano…

Gian J. Morici

condividi su:

5 Responses to “San Calogero proteggi la città di Agrigento”. L’inefficienza del Comune, la pagano i cittadini. Multe da € 5.164,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *