L’Aeroporto di Racalmuto non è stato bocciato dalla Provincia

La questione dell’aeroporto di Racalmuto merita alcune riflessioni, alla luce di quanto riportato da alcuni organi di stampa.
Voglio ribadire, come ho più volte affermato, che non ho mai pensato che il progetto di Racalmuto fosse un’oasi per il riciclaggio di denaro sporco, ne ho mai espresso una mia contrarietà alla scelta di quel sito che non derivasse dai rilievi fatti dall’Enac.
Il progetto dell’aeroporto di Racalmuto non è stato bocciato dal Presidente D’Orsi ma è stato bocciato dall’Enac, l’unica autorità in grado di certificare l’assoluta idoneità di un sito per la costruzione di un aeroporto nel territorio nazionale. Un Ente, assolutamente, al di sopra di ogni possibile manipolazione o condizionamento.
A coloro che lanciano accuse dal sapore personalistico chiedo di abbassare i toni della contesa politica perché non si da uno spettacolo edificante ai cittadini che vogliono risposte concrete.
Certamente non tollererò che mi si offenda personalmente e saprò rispondere ad ogni attacco che riguarda la mia persona e la mia onorabilità, ne tollererò che si getti discredito sull’Ente che sono stato chiamato a rappresentare dal voto popolare.
Mi si attacchi pure sul piano politico e sulla mia attività di governo, ma questi attacchi siano portati con argomentazioni che abbiano il senso della chiarezza e della onestà intellettuale.
Non capisco infatti come si possa affermare che a “Racalmuto si sarebbe potuta realizzare una struttura con tutte le necessarie condizioni per avere uno scalo con una pista da 2200 metri, e che nel tempo sarebbe potuta crescere, per accogliere voli charter e di linea ed avere un perfetto equilibrio economico-finanziario”, quando l’Enac non la pensa, esattamente, in questo modo e soprattutto il Governo nazionale non ha mai inserito alcuna struttura del nostro territorio nel piano nazionale dei trasporti dicendo che non ci sono le condizioni economiche per la costruzione di nuovi aeroporti.
Voglio precisare inoltre che non mi sono mai permesso di attaccare sul piano personale il Presidente Fontana ne mai lo farò.
Da questo momento non rilascerò più note alla stampa per rispondere ad attacchi personali, che certamente appassionano molto i funzionari di partito ma non i cittadini che chiedono alla politica di dare loro risposte concrete alle esigenze del territorio amministrato.
Tuttavia tutelerò la mia immagine nei confronti di coloro che rilasciano dichiarazioni su fatti che mettono in dubbio la mia onesta, riconosciuta in tanti anni di militanza politica e dal punto di vista professionale, dalla stragrande maggioranza delle persone che mi conoscono.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*