Vigliacchi

Non possono essere definiti diversamente quei consiglieri che pur avendo deliberato contro la realizzazione del rigassificatore di Porto Empedocle, questa sera, facendo venir meno il numero legale, hanno di fatto impedito che si votasse affinchè la Provincia regionale di Agrigento si potesse costituire innanzi al Tar del Lazio, chiamato a valutare la legittimità delle autorizzazioni rilasciate.
Una vicenda complessa che ha già fatto discutere molto, anche a seguito della revoca della nomina – da parte del presidente della Provincia, Eugenio D’Orsi – al legale in precedenza chiamato a rappresentare la Provincia, ad appena 48 ore dalla precedente udienza.
Una squallida o, volendo usare le parole di un consigliere, inquietante storia, che vede lo stesso D’Orsi dichiarare in un filmato che esistono poteri che “manovrano” e che possono permettersi in maniera arrogante di far passare sulle nostre teste tutto ciò che vogliono.

Parole queste, che avrebbero dovuto indurre D’Orsi a dimettersi, anziché accettare supinamente l’arroganza dei manovratori di turno.

Il presidente, ha invece preferito sottostare all’arroganza.

Purtroppo, questa sera, all’aula Giglia, si è registrata anche la sottomissione di alcuni consiglieri.

Che in politica non si possa pretendere coerenza, è un dato del quale tutti i cittadini hanno preso atto e già da tempo.

Dopo la pausa di un’ora, chiesta affinchè si potesse sintetizzare in un unico documento quanto presentato dai consiglieri Spoto, Avarello e Guarraci e dopo le comunicazioni da parte degli stessi consiglieri e del consigliere Roberto Gallo, all’atto dell’appello, quasi avessero ricevuto ordini di scuderia, risultavano assenti molti consiglieri.

Al presidente Buscemi, a quel punto, non restava altro da fare che dichiarare nulla la seduta per mancanza di numero legale.

Ancora una volta, in maniera vergognosa, un manipolo di politicanti, ha fatto prevalere l’interesse personale a quello dei cittadini.

Più che “aula Giglia”, sarebbe opportuno ribattezzarla “aula della vergogna”.

Dinanzi l’abbandono dell’aula da parte dei consiglieri, i rappresentanti di movimenti e associazioni da sempre schierati apertamente contro la realizzazione del rigassificatore, hanno occupato l’aula, simulando la votazione della delibera.

Delibera, che simbolicamente è stata votata all’unanimità.

Dinanzi l’azione di protesta, il presidente del Consiglio, Buscemi, si è visto costretto ad avvisare la Questura.

Al loro arrivo, gli agenti hanno solo potuto constatare come i manifestanti avessero messo in atto in modo pacifico la loro protesta, occupando l’aula, ma senza causare danni, né generare momenti di particolare tensione.

Nell’aula, oltre ai dimostranti e al presidente Buscemi, anche il consigliere Orazio Guarraci.

Guarraci, seppur da sempre favorevole alla realizzazione dell’opera industriale, aveva anche lui insistito, a nome suo e del suo gruppo, sulla necessità che la Provincia si costituisse in giudizio.

Purtroppo, al momento del voto, gli stessi consiglieri del suo gruppo avevano abbandonato l’aula.

L’azione di protesta, si è conclusa dopo qualche ora, con l’abbandono dell’aula da parte dei dimostranti.

Ineccepibile il comportamento delle forze dell’ordine, del presidente Buscemi e degli impiegati della Provincia, che mantenendo la calma e discutendo con i manifestanti, hanno evitato eventuali prese di posizione che avrebbero solo potuto esasperare i toni.

Del resto, nelle intenzioni dei manifestanti, c’era soltanto la volontà di rendere palese il loro dissenso verso quei consiglieri che con il loro comportamento hanno, per l’ennesima volta, disonorato un mandato che li vorrebbe chiamati a rappresentare gli interessi dei cittadini.

Ad aula vuota, pareva di sentire ancora riecheggiare quel “vergogna…vergogna….”, che fino a poco prima i manifestanti avevano gridato all’indirizzo dei consiglieri.

Tutto inutile. Molti politici non si vergognano di nulla. Altrimenti come potrebbero accettare l’ “arroganza di chi manovra”?

Se non si vergognano loro, possiamo però vergognarci noi per averli eletti….

Gian J. Morici

 

Please follow and like us:

4 Responses to Vigliacchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*